La informiamo che, per migliorare la sua esperienza di navigazione su questo sito web, Liceo Statale Domenico Berti utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:

  • cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie);
  • cookie di tipo statistico (performance cookie).

che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare all'indirizzo https://www.privacylab.it/informativa.php?17943403762 sono presenti le istruzioni per negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su "ACCETTA" o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell'Informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Reg.to UE 2016/679.

E’ stata la IV A del Liceo di Scienze Umane “Domenico Berti” ad aggiudicarsi il premio di 250 euro messo in palio dalla Consulta Femminile comunale. Il premio era stato bandito in occasione del convegno svoltosi nel marzo scorso per festeggiare i 35 anni della Consulta: alle classi delle scuole torinesi si chiedeva un elaborato sul tema “2013: Torino, i giovani e la solidarietà”. Oggi, giovedì 5 ottobre, la IV A si è ritrovata nella Sala delle Colonne di Palazzo Civico con la preside Paola Gasco e l’insegnante Giuseppina Rago: a riceverla, la presidente Maria Pia Pianta e numerose altre componenti della Consulta femminile. Presenti in sala anche Massimo Rusconi, presidente della Federmanager – Apdai, e il responsabile dei Dormitori notturni Umberto I, Marco Cauda.
Nell’ambito delle loro attività didattiche, le allieve e gli allievi della classe premiata hanno visitato realtà importanti del volontariato torinese, dal Sermig al Cottolengo, passando per la Cooperativa Valdocco e il Gruppo Abele. Ne è scaturita una riflessione collettiva che ha animato lo spirito dell’elaborato scelto dalla Consulta tra i numerosi pervenuti. “Ora sappiamo che un’altra realtà caratterizza il nostro tempo, rappresentata da uomini e donne che hanno rinunciato al pensiero unico, capaci di superare le barriere dell’Io”: è solo uno dei temi proposti nell’elaborato – presentato al pubblico in sala da Marina Alberici, Valentina Grassino ed Erica Orlando - che si conclude con un impegno a svolgere un’iniziativa di educazione alla solidarietà nei confronti dei loro compagni di scuola più giovani.

 

Foto cittagor