La informiamo che, per migliorare la sua esperienza di navigazione su questo sito web, Liceo Statale Domenico Berti utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:

  • cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie);
  • cookie di tipo statistico (performance cookie).

che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare all'indirizzo https://www.privacylab.it/informativa.php?17943403762 sono presenti le istruzioni per negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su "ACCETTA" o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell'Informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Reg.to UE 2016/679.

Tenuto conto dell’O.M. n. 10 del 16 maggio 2020:

- La sessione dell’esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione ha inizio il giorno 17 giugno 2020 alle ore 8.30, con l’avvio dei colloqui.

- Il credito scolastico è attribuito fino a un massimo di sessanta punti, di cui diciotto per la classe terza, venti per la classe quarta e ventidue per la classe quinta, assegnati dal consiglio di classe, in sede di scrutinio finale.

- I PCTO concorrono alla valutazione delle discipline e a quella del comportamento, e pertanto contribuiscono alla definizione del credito scolastico.

- I candidati che, per malattia da accertare con visita fiscale o dovuta a grave documentato motivo, si trovano nell’assoluta impossibilità di partecipare anche in videoconferenza, alla prova d’esame nella data prevista, è data facoltà di sostenere la prova stessa in altra data entro il termine di chiusura dei lavori previsto dal calendario deliberato dalla commissione.

- I candidati, qualora non possano assolutamente sostenere la prova d’esame entro il termine previsto, possono chiedere di sostenere la prova in un’apposita sessione straordinaria, presentando domanda al Presidente entro il giorno successivo all’assenza. Qualora nel corso dello svolgimento della prova d’esame un candidato sia impossibilitato a proseguire o completare il colloquio, il Presidente, con propria decisione, stabilisce in quale modo l’esame stesso debba proseguire o essere completato, o se il candidato debba essere rinviato ad altra data per la prosecuzione o per il completamento.

- Le prove d’esame sono sostituite da un colloquio che ha la finalità di accertare il conseguimento del profilo culturale, educativo e professionale dello studente. Nel corso del colloquio il candidato dimostra:

a) di aver acquisito i contenuti e i metodi propri delle singole discipline, di essere capace di utilizzare le conoscenze acquisite e di metterle in relazione tra loro per argomentare in maniera critica e personale, utilizzando anche la lingua straniera;

b) di saper analizzare criticamente e correlare al percorso di studi seguito e mediante una breve relazione o un lavoro multimediale, le esperienze svolte nell’ambito dei PCTO;

c) di aver maturato le competenze previste dalle attività di “Cittadinanza e Costituzione”.

La commissione provvede alla predisposizione dei materiali prima di ogni giornata di colloquio, per ogni candidato. Il materiale è costituito da un testo, un documento, un’esperienza, un progetto, un problema ed è finalizzato a favorire la trattazione dei nodi concettuali caratterizzanti le diverse discipline e del loro rapporto interdisciplinare. Nella predisposizione dei materiali e nella preliminare assegnazione ai candidati, la commissione tiene conto del percorso didattico effettivamente svolto, in coerenza con il documento di ciascun consiglio di classe, al fine di considerare le metodologie adottate, i progetti e le esperienze realizzati, con riguardo anche alle iniziative di individualizzazione e personalizzazione eventualmente intraprese nel percorso di studi.

- Il colloquio è così articolato

a) discussione di un elaborato concernente le discipline di indirizzo individuate come oggetto della seconda prova scritta La tipologia dell’elaborato è coerente con le discipline di indirizzo. L’argomento è assegnato a ciascun candidato su indicazione dei docenti delle discipline di indirizzo medesime entro il 1° giugno. Gli stessi possono scegliere se assegnare a ciascun candidato un argomento diverso, o assegnare a tutti o a gruppi di candidati uno stesso argomento che si presti a uno svolgimento fortemente personalizzato. L’elaborato è trasmesso dal candidato ai docenti delle discipline di indirizzo per posta elettronica entro il 13 giugno.

b) discussione di un breve testo, già oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di lingua e letteratura italiana durante il quinto anno e compreso nel documento del consiglio di classe;

c) analisi, da parte del candidato, del materiale scelto dalla commissione;

d) esposizione, mediante una breve relazione o un elaborato multimediale, dell’esperienza di PCTO svolta nel percorso di studi;

e) accertamento delle conoscenze e delle competenze maturate nell’ambito delle attività relative a “Cittadinanza e Costituzione”.

Per quanto concerne le conoscenze e le competenze della disciplina non linguistica (DNL) veicolata in lingua straniera attraverso la metodologia CLIL, il colloquio può accertarle se il docente della disciplina coinvolta fa parte della Commissione di esame.

La commissione cura l’equilibrata articolazione e durata delle fasi del colloquio, per un tempo complessivo di 60 minuti circa.

Per le sezioni dove è attivato il progetto EsaBac, le prove previste dal decreto EsaBac sono sostituite da una prova orale in lingua e letteratura francese e una prova orale che verte sulla disciplina non linguistica, storia, veicolata in francese.

Ai soli fini del Baccalauréat, la commissione esprime in ventesimi il punteggio per ciascuna delle due prove orali. Il punteggio globale dell’esame EsaBac risulta dalla media aritmetica dei voti ottenuti nelle prove orali. Per il rilascio dei diplomi, il candidato deve aver avuto nei relativi esami un punteggio complessivo almeno pari a 12/20, che costituisce la sufficienza.

Ai fini dello svolgimento delle prove, ogni commissione può assegnare ai candidati un tempo aggiuntivo, se necessario.

- Il punteggio minimo complessivo per superare l’Esame di Stato è di sessanta centesimi. Fermo restando il punteggio massimo di cento centesimi, la commissione può motivatamente integrare il punteggio fino a un massimo di cinque punti (i candidati devono aver conseguito un credito scolastico di almeno 50 punti e un risultato nella prova di esame pari almeno a 30 punti)

La commissione all’unanimità può motivatamente attribuire la lode a coloro che conseguono il punteggio massimo di cento punti senza fruire dell’integrazione a condizione che:
a) abbiano conseguito il credito scolastico massimo con voto unanime del consiglio di classe;
b) abbiano conseguito il punteggio massimo previsto alla prova d’esame.